Kyma Ambiente - Azienda multiservizi

Una massiccia opera di pulizia e riassetto del quartiere Tamburi, nei pressi del cimitero San Brunone, in occasione della giornata dedicata alla commemorazione dei defunti. Un’implementazione del servizio, che si va ad aggiungere a quello svolto quotidianamente, partito nei giorni scorsi e continuato anche dopo le giornate in cui una maggiore affluenza si registra nella struttura cittadina.

Dalle prime ore dell’alba, mezzi e operatori di Kyma Ambiente hanno provveduto a ripulire le vie di accesso, strade, marciapiedi e zone in cui si trovano gli esercizi commerciali di vendita di fiori. Già dallo scorso fine settimana, passando per il primo novembre, in cui si inizia a registrare la presenza di molti cittadini in visita ai propri cari, fino al giorno successivo in cui le presenze aumentano notevolmente, le squadre dedite alla pulizia sono intervenute con spazzamento a mano, meccanico e con i mezzi dedicati al lavaggio delle strade.

«Siamo intervenuti in netto anticipo, preparandoci già nei giorni scorsi, in vista di questa ricorrenza – ha commentato il presidente di Kyma Ambiente Giampiero Mancarelli – i tarantini sono particolarmente sensibili a queste giornate e abbiamo aumentato i servizi di pulizia per garantire decoro sia all’esterno della struttura del San Brunone, sia al quartiere stesso». Un’attenzione che resta sempre alta su questo quartiere e su tutto il territorio cittadino: «Seguendo le indicazioni dell’amministrazione Melucci, impieghiamo le nostre squadre quotidianamente per tutelare le zone cittadine. Un bene comune a cui teniamo molto. C’è sicuramente ancora tanto da fare e da migliorare, ma giornate come queste, anche vedendo la risposta di civiltà della cittadinanza, ci spingono a continuare su questa strada».

Kyma Ambiente e amministrazione Melucci a per le buone pratiche dell’economia circolare

Le innovazioni in corso e a breve realizzazione, l’ampliamento degli impianti, i nuovi ingressi nel personale e la frontiera comune verso le direttive dettate dall’Unione Europea. Taranto al passo con le nuove normative comunitarie in termini di ecocompatibilità e transizione ecologica, puntando sull’implementazione della raccolta differenziata. Kyma Ambiente e amministrazione Melucci hanno presentato a Rimini, durante Ecomondo 2021 – The Green Technology Expo, quello che si sta facendo in riva allo Jonio e quanto è in cantiere per l’immediato. Obiettivo principale è la differenziazione dei rifiuti in tutti i quartieri e il miglioramento del servizio, per agevolare una indispensabile coscienza civica sul tema. Poi il revamping all’impianto di compostaggio per una capacità di trattamento pari a 70mila tonnellate all’anno per la produzione di biometano e il potenziamento della raccolta di oli esausti mediante premialità e il riutilizzo per la produzione di combustibili naturali.

Questi alcuni dei temi trattati dal presidente di Kyma Ambiente Giampiero Mancarelli e dall’assessore comunale all’ambiente Paolo Castronovi durante il convegno «Taranto, l’ecosistema e il riutilizzo del rifiuto come risorsa» all’interno del padiglione di Confindustria Cisambiente. Durante l’importante forum internazionale organizzato da Italian Exhibition Group in collaborazione con Ministero degli Affari esteri, Italian Trade Agency e Key Energy, attenzione puntata sulle linee di intervento del Pnrr che mirano al miglioramento e alla meccanizzazione della rete raccolta differenziata, oltre all’ammodernamento e alla realizzazione di impianti innovativi di trattamento e riciclo dei rifiuti. «Taranto si fa trovare pronta» ha commentato il presidente Mancarelli «la nostra è una sfida avvincente sulla transizione ecologica e stiamo percorrendo le linee governative su differenziazione e ingegnerizzazione, per questo il traguardo del febbraio 2022 è portare progetti che possano portare risorse e interventi fattivi per il territorio».

Per l’occasione è stato presentato e proiettato in anteprima nazionale il video promozionale ideato e realizzato da Kyma Ambiente e dai suoi operatori con la collaborazione di Comieco per sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza della raccolta differenziata. Protagonisti della produzione donne e uomini in forza all’azienda.
«Abbiamo dimostrato alle istituzioni presenti e a tutti i partner qui a Ecomondo che Taranto non è più quella realtà schiacciata da un futuro che non vuole» ha specificato l’assessore Castronovi. Punto cardine dell’amministrazione Melucci, la realtà concreta degli Ecosistema: «Il nostro è un programma che vuole, con quattro linee di intervento, cambiare il paradigma di questa città e modificare il suo futuro, riportandola all’economia naturale cui era destinata».

È il più grande evento in tema di sviluppo di un ecosistema imprenditoriale innovativo e sostenibile. La filiera dell’economia circolare, ecodesign ed efficienza al recupero e valorizzazione di materia prima ed energia. Trasporti, bonifiche e riqualificazione di aree contaminate favorendo il networking internazionale. Tutto questo e molto altro a Ecomondo 2021 – The Green Technology Expo che si terrà a Rimini dal 26 al 29 ottobre e Kyma Ambiente sarà tra i protagonisti con uno spazio dedicato all’azienda partecipata del Comune di Taranto all’interno del padiglione di Confindustria Cisa Ambiente nazionale nel quartiere fieristico di Rimini. Il forum è organizzato da Italian Exhibition Group in collaborazione con Ministero degli Affari esteri, Italian Trade Agency e in contemporanea con Key Energy.

Una delegazione della dirigenza aziendale coordinata dal presidente di Kyma Ambiente Giampiero Mancarelli e i rappresentanti del Comune di Taranto relazioneranno giovedì 28 ottobre 2021 alle ore 14:00. Per l’occasione, sarà presentato e proiettato in anteprima nazionale il video promozionale ideato e realizzato da Kyma Ambiente e dai suoi operatori con la collaborazione di Comieco per sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza della raccolta differenziata. Protagonisti della produzione, donne e uomini in forza all’azienda.

L’intervento del presidente Mancarelli sarà incentrato su «Taranto, l’ecosistema e il riutilizzo del rifiuto come risorsa». Un approfondimento sui lavori in atto in tema di economia circolare, chiusura del ciclo e il principio di prossimità dei rifiuti. Saranno illustrati i progetti in corso e in cantiere dell’azienda partecipata, che punta a potenziare l’esistente e farsi trovare pronta al futuro. Impianto di selezione, di compostaggio, Ecobox Kyma 4.0, Ecocompattatore Kyma 4.0 e il prossimo impianto di raccolta pneumatica dei rifiuti: Taranto al passo con le nuove disposizioni europee su sostenibilità e tutela ambientale.

«Essere a Rimini è un grande prestigio, ma soprattutto una straordinaria occasione per fare conoscere a livello internazionale la Taranto ecosostenibile» commenta il presidente di Kyma Ambiente Giampiero Mancarelli. Attenzione e collaborazione con realtà importanti per progetti operativi: «Ringraziamo Confindustria Cisa Ambiente per averci riservato uno spazio non solo strutturale, ma di vera e fattiva cooperazione. Parleremo di fatti concreti, di progetti realizzati e che stanno prendendo forma. Ecomondo è un appuntamento chiave per il nostro territorio, per amplificare le buone pratiche che vengono adottate nella nostra città».

Kyma Ambiente e amministrazione Melucci partono con un nuovo progetto che punta a sensibilizzare sulla raccolta differenziata nelle scuole, con il coinvolgimento di alunni, famiglie e docenti. Avviato il primo step del programma #RICICLASCUOLATARANTO, un percorso che durerà per tutto l’anno scolastico e che interesserà istituti comprensivi e circoli didattici di Taranto. Una serie di iniziative in programma: incontri formativi con le classi, visite guidate negli impianti di Kyma Ambiente e un contest per premiare chi si distinguerà nella raccolta differenziata. Sono previsti riconoscimenti e veri e propri premi in palio, tra buoni spesa, strumenti informatici e ingressi gratuiti nei luoghi della cultura tarantina. La macchina organizzativa sta finalizzando gli ultimi dettagli del progetto che vedrà in prima linea bambini e genitori.

Il primo momento è quello della fornitura dei kit della differenziata nelle scuole con la distribuzione delle cosiddette pattumelle tripartite (giallo per il multimateriale, marrone per l’organico, grigio per l’indifferenziato o secco residuo) che saranno utilizzate da ogni classe. L’obiettivo è quello di aumentare la coscienza civica, partendo proprio dai più piccoli.

 

In merito al pagamento della TARI 2021, gli uffici della Direzione Tributi del Comune di Taranto sono disponibili per ogni e qualsiasi chiarimento inerente il pagamento della Tari mediante il Numero Verde 800 893900 ATTIVO dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00. Sono attivi, altresì, i seguenti indirizzi mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ed è inoltre possibile collegarsi allo sportello telematico "Linkmate" per scaricare i relativi modelli di pagamento ed ottenere tutte le informazioni necessarie.

Oltre 400 sacchi di rifiuti indifferenziati, decine di carrellati pieni di vetro, ingombranti di ogni genere come materassi, lavatrici e addirittura una barca abbandonata. Questi sono alcuni numeri del World Clean Up Day 2021, che si è tenuto la scorsa settimana. Due giorni dedicati alla pulizia dei luoghi comuni, a livello globale, e Taranto si è distinta per impegno e risultati ottenuti. Le associazioni SiAmo Taranto, Retake Taranto, Pro Loco Capo San Vito, Comitato Pezzavilla Verde&Sport, Aps Pittaggio del Baglio, Federconsumatori, Plasticaqquà, Pro Loco Lama e le sue contrade, Retake Taranto, WWF Taranto, Lovely Taranto Ets hanno messo in campo centinaia di volontari dalla Marina di Taranto, passando per l’Isola Madre, il Lungomare e la foce del fiume Galeso.

Un’azione collettiva di coscienza civica, con Kyma Ambiente che ha fornito il supporto utile al corretto smaltimento dei rifiuti raccolti. E per l’occasione è stata presentata ufficialmente la nuova spazzatrice in dotazione. Un mezzo che utilizza un sistema di alimentazione 100% elettrico, totalmente in linea con le migliori tecnologie esistenti in tema di compatibilità ambientale. Oltre a essere a impatto zero, annulla anche il fenomeno dei rumori, particolarmente sensibile in zone come borghi e centri storici.

«C’è stata una grandissima partecipazione, un vero e proprio esercito della civiltà che ha riportato decoro e igiene in queste parti della nostra città» commenta il presidente di Kyma Ambiente Giampiero Mancarelli. «Taranto diventa sempre più esempio di cittadinanza attiva e a tal proposito abbiamo voluto presentare questa nuova spazzatrice elettrica già in azione per le nostre strade». Un’azione corale per raggiungere un risultato comune: «Grazie alle associazioni, ai volontari, alla rete A…Raccolta! Con il sostegno dell’amministrazione Melucci, l’obiettivo è rendere più vivibile la nostra città».

Il sito di Kyma Ambiente S.p.A. è un progetto realizzato da Parsec 3.26 S.r.l.

Torna all'inizio del contenuto